Liberi di morire. Dentro la guerra sulle strade dell'Iraq

Liberi di morire Dentro la guerra sulle strade dell Iraq La Baghdad neo liberata in cui Sergio Ramazzotti arriva nell aprile di quest anno lo specchio di un paese straziato completamente allo sbando lontano anni luce dalle scene di esultanza popolare core

  • Title: Liberi di morire. Dentro la guerra sulle strade dell'Iraq
  • Author: Sergio Ramazzotti
  • ISBN: 8838481059
  • Page: 110
  • Format:
  • La Baghdad neo liberata in cui Sergio Ramazzotti arriva nell aprile di quest anno lo specchio di un paese straziato, completamente allo sbando, lontano anni luce dalle scene di esultanza popolare coreografate dai marines e puntualmente riprese dalle TV di tutto il mondo Per raccontare il vero Iraq, Ramazzotti lascia la capitale e i colleghi asserragliati all Hotel Palestina e parte, con il taccuino in tasca e la macchina fotografica a tracolla, per un viaggio che lo porter fino a Karbala, passando per Tikrit, Samarra, Kirkuk, Mosul e Najaf Il risultato un documento straordinario, un reportage ad altezza d uomo , traboccante di incontri, emozioni e storie palpabilmente, disperatamente reali.

    • [PDF] · Free Read ✓ Liberi di morire. Dentro la guerra sulle strade dell'Iraq : by Sergio Ramazzotti ✓
      110 Sergio Ramazzotti
    • thumbnail Title: [PDF] · Free Read ✓ Liberi di morire. Dentro la guerra sulle strade dell'Iraq : by Sergio Ramazzotti ✓
      Posted by:Sergio Ramazzotti
      Published :2019-08-20T02:46:44+00:00

    About "Sergio Ramazzotti"

    1. Sergio Ramazzotti

      Sergio Ramazzotti Is a well-known author, some of his books are a fascination for readers like in the Liberi di morire. Dentro la guerra sulle strade dell'Iraq book, this is one of the most wanted Sergio Ramazzotti author readers around the world.

    997 thoughts on “Liberi di morire. Dentro la guerra sulle strade dell'Iraq”

    1. mentre leggi l'opera di ramazzotti smetti di essere dove ti trovavi prima di aprire il libro e vieni catapultato, di forza e con violenza, nell'iraq di qualche anno fa. il tuo cervello a un certo punto cerca di proteggersi e ti insinua subdolamente il sottile dubbio che si tratti di un'opera di fantasia, almeno in parte. purtroppo non è così. e anche se ci fosse qualche adattamento, qualche romanzzata, poco importa, perchè il libro riesce perfettamente nel suo scopo, ovvero quello di aprirci [...]


    2. Perché l'ho comperato? Perché di S. Ramazzotti avevo già letto "Vado verso il Capo", un libro bellisssimo, e quindi ho voluto riprovare l'autore. Ramazzotti mi ha dato un altro gran bel libro (e sicuramente mi comprerò anche gli altri).Che lo si voglia classificare come reportage, letteratura di viaggio o grande giornalismo, è comunque scritto benissimo.Vivi accanto a lui il dramma di un popolo invaso, con scuse miserabilmente false, solo per il petrolio. Dramma che si estende a noi, all'Oc [...]


    3. Una cronaca spettacolare di ciò che accade nei territori di guerra iracheni; non importa che il libro parli di un tempo passato, gli orrori, i giochi di potere e gli interessi dei potenti di sfruttare la morte e la guerra a loro vantaggio sono più attuali che mai.L'ho comprato dopo aver letto, o meglio dire divorato l'altra pubblicazione di Ramazzotti "Vado verso il Capo". In altre parole consigliatissimo.


    4. Ramazzotti è una persona colta e garbata. Interessante e piacevole leggere i suoi libri. La versione di chi va sul campo e non scrive da casa


    5. Sergio non si smentisce mai.Riesce a portarti con lui in questo viaggio incredibile per l'Iraq.Con storie e aneddoti tanto veri quanto incredibiliConsigliato anche il suo "ground zero ebola"


    6. Ci sono opere letterarie che ti trasportano.Ce ne sono che insegnano.Altre ancora sono capolavori.Questa prosa giornalistica non è nulla di quanto elencano ed un po' di tutto. Nella sua umiltà, nella sua attinenza a fatti "minori" visti direttamente dallo scrittore e non de relato, ebbene riesce a descrivere una guerra che è il tempo sporco della storia.Non si spiega come funzioni un sabot perforante di MBT (carro armato), non si dice cosa avviene quando un AC 130 Spectre cannoneggia da 10.00 [...]


    7. Sono passati undici anni e l'Iraq - con il nuovo estremismo islamico che rischia di prenderne il controllo - sta peggio di prima. Che è esattamente quel che temevano molti dei protagonisti del libro incontrati dall'autore durante la guerra. Se prevedere ciò che sarebbe accaduto non fosse stato così facile, ci sarebbe da gridare al miracolo profetico. Da leggere, oggi più che mai.


    8. Un libro molto gradevole, sebbene confinato più nella dimensione di racconto di viaggio che di reportage giornalistico di quei giorni di guerra in Iraq, contiene degli spunti interessanti per riflettere


    Leave a Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *